Le ragioni dell'arte dall'antica Grecia al presente

Dalla pratica artistica alla riflessione filosofica

Argomenti
Art thinking, arteprima, francesco cascino, alfredo pirri, stefano velotti, creatività, architettura, filosofia greca, filosofia contemporanea, politica , arte, arte antica, arte contemporanea, arte della politica, potenzialità del ruolo, organizzazioni e ruoli , leadership, artthinking
A chi è rivolto
gallerie, istituzioni, direttori museali, manager, appassionati, pubblica amministrazione

Abstract

Scopriamo insieme come l'arte ha inciso sull'uomo, le sue relazioni con il mondo e con se stesso. Sviluppiamo riflessioni partendo dall'analisi delle pratiche artistiche di ieri e di oggi, dai luoghi in cui l'arte e la politica si sono intrecciate arricchendosi a vicenda, giungendo alla comprensione dei ruoli, dei confini e dei potenziali inespressi di entrambe. Una riflessione sulla mimesi e sul rapporto tra arte e Stato.


Docenti/Speaker

Alfredo Pirri

Alfredo Pirri

Artista
Read Bio
Stefano Velotti

Stefano Velotti

Filosofo
Read Bio

Descrizione



PROGRAMMA:
 
LE ORIGINI: CHE COS’E’ LA MIMESI?   A partire da alcune opere dell’antichità, arriviamo ad analizzare insieme le opere della serie Passi di Alfredo Pirri: una riflessione sulla mimesi, gli specchi, il rapporto dell’arte con il mondo. Da Platone e Aristotele a Paul Ricoeur e Adorno
 
ARTE E ARCHITETTURA  Partendo dai progetti e dalle realizzazioni architettoniche di Alfredo Pirri, sviluppiamo insieme una riflessione sul rapporto tra arte e architettura, dall’antichità al Rinascimento fino ai nostri giorni. Le forme che incidono sulla vita.  
 
ARTE POLITICA STATO In che senso un’opera d’arte ha un peso politico? A partire da Arie, Kindertotenlieder  e altre opere di Alfredo Pirri, ragioniamo insieme su quali sono i luoghi in cui arte e politica si intrecciano. Che rapporto si dà, o si dovrebbe dare, tra arte e Stato?



×
Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e suggerirti contenuti in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.